Posologia dell’anima, di Cristina Alessandro. Storie di Libri, prima edizione anno 2022. Storie.
Storie come brandelli di cuore, percorsi differenti, sfide. In questo viaggio che mette in primo piano le nostre vite vengono raccontate vittorie e sconfitte, aspirazioni diverse, senza giudizi o presunzione. Non si può definire un sentire giusto o sbagliato perché è solo un approccio, un tentativo di trovare risposte, costretti a percorrere un itinerario senza ritorno, beffati da un’inebriante illusione che impedisce di coglierne il senso, di svelarne il mistero.
Magari ci fosse una posologia per curare l’anima, un bugiardino con indicazioni utili o una terapia miracolosa. A conti fatti si procede a tentoni e ognuno improvvisa come può, perché non esiste rimedio universale adatto a sanare il male di vivere.
Però noi almeno, proviamo a indagare.

Acquista da Amazon
Richiedi info su Messenger

E parla di me, di Antonella Aman Manni. Storie di Libri, prima edizione anno 2022. Poesie.
Aman è Parola che vibra sensibile e altruista, nella sostanza più immedesimativa e compartecipata, perché di queste qualità sublimi è composto il suo cuore travagliato.
Si tratta di una sensibilità che non nasconde nulla, perché il suo canto dell’anima si mostra visibile e allo scoperto, anche nell’acutezza del proprio tormento esistenziale, senza filtri simbolici, senza melliflui giri di parafrasi e metafore, senza mezze misure, mai in compromesso con sé stessa, vera fino alla sorgente dello spirito colorato d’Amore, che si fa strada attraverso la roccia più dura e impietosa della vita. Le sue espressioni liriche sono monumenti alla sincerità.
Antonella, come me, è convinta che la grandezza del valore umano passa proprio dalla rappresentazione del “fragile, piccolo e debole”, per costituirsi verità a servizio perenne dell’umanità intera. (Dalla prefazione di Giuliano D’Elena)

Acquista da Amazon
Richiedi info su Messenger

Malurmia, di Luigina Parisi. Storie di Libri, seconda edizione anno 2022. Storie.
Malurmia, perché questo titolo?
È il termine dialettale salentino con cui si indica un’anima che vaga, forse in pena, alla ricerca di qualcosa di incomprensibile a chi la guarda; appare come un’ombra selvaggia, una mal’ombra appunto. È anche il termine scherzoso con cui le nonne scacciavano noi bambini quando bazzicavamo loro intorno senza apparenti motivazioni.
Malurmia per me è l’inquietudine che ci permette di alzare il volto al cielo e chiedere, è lo sguardo che scava e si interroga. Mi ha sempre affascinato l’ombra, intesa nel senso junghiano del termine, cioè il lato segreto o sconosciuto di sé stessi. E amo il sole perché è in grado di renderla visibile. Credo sia soprattutto nell’ombra che risiede l’essenza di ognuno e che sia essa a dare significato alla luce. In questa raccolta di storie narro delle ombre che gli animi sensibili si portano dentro, spesso ignorate o volutamente sepolte. (Nota dell’autrice)

Acquista da Amazon
Richiedi info su Messenger

Dall’incontro di quattro voci nasce “Risveglio”, edizioni Storie di Libri. Gli scrittori impegnati in questo progetto sono Alessandro Fort, Luigina Parisi, Manuela Moschin e Pasquale Cavalera. Copertina di Pedro Lava.
Prefazione di Raffaella Scorrano. Undici storie tracciano il disegno degli Autori: prendere consapevolezza della contingenza esistenziale in cui si è inevitabilmente immersi. Si tratta di un’analisi concreta della vita, allorché le corde della coscienza iniziano a vibrare scatenando processi emotivi propulsivi. Stile e linguaggio dimostrano quanto “l’esistenza sia un pieno che l’uomo non può abbandonare”, si direbbe alla maniera sartriana. Si tratta di recuperare le chiavi di accesso al Logos, dis-incantati dinanzi a una realtà che richiede forza, coraggio, determinazione, militanza, interesse metafisico e psicologico nel rispetto di una vita che non può essere lasciata in balia del caso. Per ciascuno occorre piuttosto ri-trovare le condizioni di una cognizione di causa che diventi di volta in volta il preludio di nuovi cominciamenti.
Questi racconti sono lo svolgimento di temi trattati nel tempo della vita, per decidere se e come abitare la complessità senza esserne travolti. Si valuta il peso di una ingombrante gravità sisifea della quale occorre liberarsi, affinché si illuminino le feritoie del vissuto, invitando a cambiare punto di s-vista. Un percorso benevolo di educazione alle emozioni, capace di offrirci la sua prorompente forza liberatoria.

Acquista da Amazon
Richiedi info su Messenger

E di nuovo venne l’alba, di Maria Campeggio. Edizioni Storie di Libri, anno 2022. Poesie.
Dalla prefazione del Professore Onorario nell’Università del Salento Hervé A. Cavallera. Maria Campeggio ha raccolto in E di nuovo venne l’alba un corpo di poesie che rappresenta in maniera suggestiva, attraverso immagini-stati d’animo, la sua visione della vita ed è anche, per tanti aspetti, un’autobiografia di sentimenti, di attese, di gioie, di delusioni. La raccolta è di vasto respiro e i temi sono diversi, sì da non potersi sintetizzare in poche righe, affidando al lettore il senso dei richiami e dei collegamenti, peraltro implicitamente ben presenti nella struttura del testo. Il tutto in un’atmosfera che vaga tra l’onirico e il reale, tra il ricordo e l’attesa.
La raccolta poetica di un’Autrice, già meritevole di vari apprezzamenti, è sotto tale profilo la testimonianza che della poesia, come delle altre forme veramente artistiche, non si può fare a meno perché non ripresenta quello che ognuno di noi è, in quanto tale, diverso rispetto al proprio prossimo, ma illustra l’aspetto unificante che è quello del sogno, di un sogno inteso nel senso più alto: quello di andare oltre i confini della propria particolarità e di intendere ciò che ci circonda, in un collegamento spirituale con l’altro, in uno stupore di fronte alla bellezza dei paesaggi che riescono a generare un dialogo interiore. Sono attimi intensi, che non scompaiono e anzi vivono come fonte che si vuole daccapo sgorghi nell’animo nostro.

Acquista da Amazon
Richiedi info su Messenger

Fiori di canto, di Luigina Parisi. Edizioni Storie di Libri, anno 2021. Poesie.
“Fiori di canto” è la ribellione di cui noi tutti abbiamo bisogno, necessaria per rompere gli inquietanti schemi della routine e donare quella forza vitale che permette all’uomo di mettersi a nudo, trasformando in parole pensieri troppo tempo taciuti in un universo mentale che non ha nulla di confortevole.
Un’ispirazione quella di Luigina Parisi che irrazionale si libera tra le spesse ombre e un raggio di sole, l’essere moglie e il divenir madre, i flutti del mare e gli ulivi secolari, su sentieri di stelle che conducono lontano dalla fatica del vivere. Poesie che si fan mezzo, arte della parola, specchio profondo dell’anima. Prefazione di Pasquale Cavalera.

Acquista da Amazon
Richiedi info su Messenger

atman, di Manuela Moschin. Edizioni Storie di Libri, anno 2021. Poesie.
Quante anime sono imprigionate in un’opera d’arte? Forse una, l’anima di chi l’ha generata, con l’ispirazione a elevare il Sé fino alla completa fusione con la materia. Forse due, l’anima dell’artista e l’anima di colui che contempla la tela o sfiora col pensiero i candidi marmi, che ascolta melodiose note o si immerge con passione in uno scritto, in grado di riconoscere nel talento creativo frammenti dimenticati della propria esistenza. Forse infinite, poiché l’anima rappresenta il dogma assoluto del creato.
E l’anima è ātman, fulcro dell’essenza divina, il soffio vitale, ātman è la coscienza spirituale che si raggiunge attraverso l’amore, il perdono, la pace. E ātman è rispetto, sentimento di stima in una realtà dove il tempo e il caso non esistono, mere invenzioni terrene pensate per allontanare sempre più l’uomo da Dio. Prefazione di Pasquale Cavalera.

Acquista da Amazon
Richiedi info su Messenger

Maledetti vuoti, di Pasquale Cavalera. Edizioni Storie di Libri, anno 2021. Storie.
Intrappolato nella deleteria rete dei mass media e abilmente manipolato da un Sistema alienante privo di etica che propone il consumismo come unico valore, l’uomo del nuovo millennio è incapace di distinguere in autonomia il bene dal male, oramai divenuto con la sua vile complicità pericolosa oggettistica non pensante. I maledetti vuoti sono spiriti erranti, animati dalla bramosia di emergere, disposti ad assumere una condotta immorale pur di trarne vantaggio, facendo prevalere gli interessi personali a scapito dell’intera collettività.
Affiora così in Cavalera la primitiva rabbia, un pensiero narrativo sempre fedele a riflessioni spontanee e senza preamboli, che si dirama nei meandri dell’inconscio fino a rivelare l’inquietudine di una penna sofferta, in una dirompente forza interiore capace di graffiare le anime più percettive. Prefazione di Manuela Moschin.

Acquista da Amazon
Richiedi info su Messenger

Il colore dei sogni, di Pasquale Cavalera. Edizioni Storie di Libri, anno 2020. Poesie.

Dove
Ed è nel tuo sguardo che ritrovo
il tormento della passione
la quiete dell’eterno
l’immediatezza della follia.

Rosso
Il rosso è
cuore che pulsa vigoroso
libertà di pensiero
forza e istinto
resistenza al nemico
sangue fraterno
passione per una donna
fuoco che riduce in cenere.

Acquista da Amazon
Richiedi info su Messenger

Psichiatra in ghiaccio con cannella, di Pasquale Cavalera. Edizioni Storie di Libri, anno 2019. Storie.
Soffermiamoci per un istante a riflettere sulla probabile esistenza di una verità alternativa rispetto a quella che oggigiorno conosciamo, qualcosa di differente a cui non abbiamo dato ancora la giusta importanza. Potremmo quindi immaginare di sollevare un dubbio globale, riportando in vita il nostro primordiale spirito d’osservazione.
Un invito il mio rivolto in primis a coloro che hanno sempre lottato per dimostrare, prima di credere in qualcosa. Sappiamo infatti che non è necessario possedere la verità assoluta, sarà sufficiente comprovare che quanto ci circonda è pura menzogna orchestrata ad arte.
Infine vi chiedo, siamo certi di non vivere sotto una costante ipnosi sociale? Il dibattito è aperto e io sono pronto. Pasquale Cavalera

Acquista da Amazon
Richiedi info su Messenger

Prospettive, di Pasquale Cavalera. Edizioni Storie di Libri, anno 2018. Storie.
Come si supera una cocente delusione? E un’amara consapevolezza? Il cuore è ancora il luogo più intimo dove custodire i nostri affetti? Siamo coscienti della reale differenza che sussiste fra materiale e immateriale? Genera rabbia lo sguardo di un estraneo puntato addosso? Di quale falsità è pronto a nutrirsi? Quanto tagliente può divenire la sua lingua? Come ci comporteremmo al cospetto di un assassino? Che futuro garantire ai tetraplegici? Desiderano tutti un viaggio di sola andata, non è così? Il lavoro nobilita o cosa? Che valore hanno i sogni, quelli veri? Quanto di noi siamo disposti a sacrificare per raggiungerli? Quando gli adulti smettono di essere bambini?
Prospettive, per decidere una volta per tutte da che parte stare. Pasquale Cavalera

Acquista da Amazon
Richiedi info su Messenger

Sulla pelle la speranza, di Pasquale Cavalera. Edizioni Storie di Libri, anno 2017. Storie.
Negli anni ho plasmato Sulla pelle la speranza immaginando di assumere le fattezze di un cantautore, modulando migliaia di seducenti frequenze, bilanciando amore, vendetta, passione, odio, desiderio, rabbia, sentimenti questi in grado di viaggiare paralleli tra i tortuosi ed enigmatici meandri dell’animo umano.
L’opera si compone di tredici storie pensate per essere assaporate in qualsiasi ora del giorno, al mattino presto o durante la pausa pranzo, in coda in attesa del proprio turno oppure un istante prima dell’arrivo di Morfeo. Non mi resta dunque che augurarvi una serena e pacifica lettura. Pasquale Cavalera

Acquista da Amazon
Richiedi info su Messenger

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *