mickeymouse03

Il nuovo romanzo di Andrea Mauri

Michele (mickeymouse03) conosce in chat Francesco (itagnolo75). Tra una chiacchierata e l’altra, davanti a un monitor, i due ragazzi si innamorano.

Una sera Francesco confessa a Michele di essere un prete. Gli racconta un’esistenza inquieta fatta di fughe e pentimenti e la fatica di amare perché sa che ai preti è vietato. Man mano che i due ragazzi entrano in intimità, Francesco riversa su Michele il fallimento di una vita nascosta nella religione per oscurare la sua omosessualità.

Michele lo spinge ad abbandonare il clero. Vuole una storia d’amore alla luce del sole. E’ stanco di nascondersi. Lo ha fatto per i lunghi e difficili anni vissuti in famiglia, alle prese con Sergio, il fratello omofobo, e con una madre che ha deciso di non conoscerlo veramente a fondo.

Michele decide di vivere comunque. Lo fa a modo suo. Attraverso le lunghe chattate notturne con Francesco. Attraverso gli incontri reali che danno corpo all’immaginazione. Attraverso la passione di catturare immagini per ricostruire una memoria del passato. Lotta tra l’istinto di escludere il fratello dalla sua vita e il desiderio di renderlo partecipe dei suoi sentimenti.

Questo rapporto ambiguo con Sergio si insinua nella relazione già in bilico tra Michele e Francesco e ne sconvolge gli equilibri, trascinando gli eventi a una svolta drammatica che segnerà il destino dei protagonisti del romanzo. 

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Pasquale Cavalera (mercoledì, 23 agosto 2017 13:18)

    Un paio di mesi fa ho pubblicato sinossi e copertina di mickeymouse03, scritto da Andrea Mauri. Subito dopo ho deciso di leggerlo e credo che non sarà l’ultimo libro che affronterò con argomento centrale l’omosessualità. Ho provato emozioni forti, chi crede ancora nella forza delle persone, non resterà di certo indifferente nel confrontarsi con gli sconfinati sentimenti che ogni essere umano è in grado di generare in cuor proprio. Sofferenza, vigliaccheria, paura, ma soprattutto coraggio e determinazione. Fino alla piena consapevolezza di ciò che si è, unitamente a ciò che si è sempre voluto essere. Mi ha colpito il coraggio di Francesco. La scelta finale di Michele, difficile da prevedere. Sergio, una figura complessa da interpretare con raziocinio. L’ho letto, ore ben spese. Sono felice di averlo consigliato. Pasquale Cavalera