Proverbi napoletani

 altare sgarrupato nun s'appicciano cannele. Ad altare diroccato non si accendono candele.

Vuoje spellate maje tirano carre. Buoi spellati non possono tirare carri.

A ccavàllo jastemmàto le lùce 'o pilo. Al cavallo bestemmiato splende il pelo.

A ppava' e a mmuri', quanno cchiù tarde è pussìbbele. Pagare e morire, quando più tardi è possibile.

Chi tene ‘a coscienza netta pò ghi’ a fronte scuperta. Chi sta a posto con la propria coscienza può camminare a fronte alta.

Si ‘o prestito fosse buono se mprestarria ‘a mugliera. Se il prestito fosse sicuro si impresterebbe la moglie (meglio non fare prestiti).

Mentre 'o miedeco sturéa, 'o malato se ne more. Mentre il medico studia, il malato muore.

Tale 'a vite, tale 'a magliole; comm'è 'a mamme, vène 'a figliole. Tale la vite, tale il tralcio; come è la madre viene la figlia.

'A fémmene è comme 'a jatte, scippe pure si ll'accarizze. La donna è come la gatta, graffia pure se l'accarezzi.

A vocca ‘nchiusa nun traseno mosche. Nella bocca chiusa non entrano le mosche (meglio tacere, che raccontare cretinate).

A cuoppo cupo, poco pepe capa.

 

A' bella 'e ciglie, tutte 'a vonno e niscuiuno s''a piglia.

‘O sparagno nun è maje guadagno.

Chi chiagne fotte a chi ride.

Commenti: 0