Proverbi piemontesi

Val püsè na bóna làpa, che na bóna sàpa. Vale più avere una buona lingua, che una buona zappa.

Doe fomne e n'òca a fan 'n mërcà. Due donne ed un'oca fanno un mercato.

Anima toa, borsa toa. Anima tua, borsa tua.

Chi ch’a l’è sempre malavi a l’è l’ultim a meuire. Chi è sempre ammalato è l’ultimo a morire.

A fa bel fèse larg cun la roba d’j autri. Comodo farsi strada con le cose degli altri.

Amor e merda a son doe canaje: una a mangia ël cheur e l'àutra le muraje. Amore e merda sono due canaglie: una corrode il cuore, l'altra i muri.

A val pì n'aso a ca soa che'n profesor a cà d'j àutri. Vale più un asino a casa propria che un professore in casa altrui.

Gnanca i can a bogio la coa par gnent. Neanche i cani scodinzolano per niente.

L'aja l'è le spessiàri d'i paisan. L'aglio è il farmacista dei contadini.

Ant i camp a s'viv, an te ca a s'meuir. Nei campi si vive, in casa si muore.

 

Prima a Mortara, peui a Fossan e peui a Marsija. Prima a Mortara, poi a Fossano e poi a Marsiglia (prima la morte, poi la fossa e poi si marcisce).

Lòn ch’às fa per ij fieuj as fa nen per gniun ‘d ij autri. Ciò che si fa per i figli non lo si fa per nessun altro.

Commenti: 0