Proverbi pugliesi

Ventre china riposu cerca. Pancia piena cerca riposo.

Tre còse rruvìnene lu mùnnu: lu “ca pòi”, lu “pìu pìu” e lu “fàzza dìu”. Tre cose rovinano il mondo: il “poi”, il “piano piano” e lo “faccia Dio”.

Ddu nc'è ffumu nc'è focu, ma nnu sempre carne rrustuta. Dove c'è fumo c'è fuoco, ma non sempre carne arrostita.

Face chiù meracule na votte de vine ca na chiese de Sante. Fa più miracoli una botte di vino che una chiesa di Santi.

Lu pisce 'nfetisce te la capu. Il pesce va a male iniziando dalla testa.

Le ciùcce s’arràghene e le varrìle se sfàsscene – Gli asini litigano e i barili si sfasciano.

Sott’allu sole ti lugliu la capu vae a subbugliu – Sotto al sole di luglio la testa va in subbuglio.

St'uìne è bèll'e galànd', a la salùta r'li càpe vancànd'. Questo vino è bello e galante, alla salute delle teste vuote.

Tira chiui lu pilu ca lu 'nsartu. Tira più il pelo (la donna) che la corda.

Ci tène vèstie e fèile me cuntènte rèire. Chi ha bestie e figli mai contento ride.

Nudde chiànde e nnudde mange.

La troppa chemmedènze fasce la mala criànze.

Commenti: 0