SDL005RZ

Caratteristiche

Top Quality: SDL005RZ

Selezionatore: Pasquale Cavalera

Categoria: romanzi

Titolo: Seconda navigazione

Autore: Donatella Moica

Casa editrice: Edizioni della Meridiana

Anno: 2016

N° pagine: 240

 

Link acquisto

Acquista la tua copia!

 

Contatti autore

Profilo Facebook

Pagina Facebook

Gruppo Facebook

Sito internet

 

L'ho scelto perché...

Complimenti all’autrice, sentimenti profondi espressi con dignità e in modo semplice e lineare. Mi sono riconosciuto in ognuno dei personaggi, viene naturale interagire con loro, vivere le vicende al loro fianco, quasi mano nella mano. Mare, spiaggia, musica, comprensibili umane intimità. Un ottimo scritto che rileggerei decine di volte.

 

Il libro

Ci sono momenti nella vita in cui occorre trovare una "spiaggia" che ci accolga. In un luogo protetto dagli altri e dagli eventi ci possiamo fermare e guardare dentro, cercando di capire dove si è perso il senso della nostra vita. Occorre sciogliere i nodi per riavvolgere la matassa e nel farlo ci rendiamo conto che dal momento della nostra nascita i luoghi, gli eventi e le persone ci hanno segnato e hanno, in qualche modo, condizionato la nostra navigazione. Solo tornando indietro, in silenzio, possiamo comprendere e guardare avanti. C'è sempre qualcosa di più bello da vivere... Una storia di mare, amore e musica, dove le esistenze, i sogni e le speranze dei protagonisti si incontrano, si scontrano e danzano come le onde.

L'autore

Amo il mare, scorre nelle mie vene come linfa… Mi piace contemplare il bello che la vita ti offre e viverlo quando te lo permette. Sono una lettrice onnivora. Amo l’arte e la poesia. E la musica apre in me canali di percezione che vanno al di là di ciò che si può spiegare a parole.

Ho imparato a scrivere prestissimo, mi insegnava mia madre: ore e ore a scrivere letterine sul quaderno che io trovavo molto armoniose e delicate. Quando poi ho imparato a metterle insieme e comporre le parole non ho più smesso. Scrivo su tutto e in qualunque momento. Tengo sempre un quaderno nel cassetto del comodino e, se mi sveglio la notte, scrivo. Scrivo se sono triste e se sono felice. La scrittura mi ha salvato la vita almeno tre o quattro volte e se anche io, come i gatti, ho sette vite, qualcuna l’ho già consumata.

 

La Casa editrice

Fondata a Firenze nel 1998, la casa editrice Edizioni della Meridiana è diretta da Andrea Ulivi, esperto editor, già creatore di altre sigle editoriali e cofondatore della rivista letteraria «clanDestino». La sua passione per tutto ciò che è espressione culturale dell’uomo, unita alle sue conoscenze del lavoro editoriale, hanno dato vita, grazie alla collaborazione e all’entusiasmo di un gruppo di professionisti, a una raffinata produzione editoriale che unisce l’eleganza alla qualità. 

Una piccola casa editrice che ha individuato la propria “nicchia” in quell’avvenimento culturale che è la visione e la costruzione della bellezza, comprendendo in questo anche la qualità stessa dell’oggetto libro. Per cui non si è posta come compito o obiettivo lo scandagliare in profondità un circoscritto ambito letterario, storico o storico artistico, bensì ha cercato di abbracciare ciò che di cultura fosse il fare dell’uomo e come questo potesse essere tradotto in un bel libro.

 

Le recensioni

Andrea Improta - 19 Luglio 2017 (donatellamoica.it)

“Seconda navigazione” va oltre il mare. Un romanzo ‘diverso’ che non è solo introspezione dell’anima ma anche il racconto dell’umana “faim d’amour”. Perché come dice Sasha, anche quando pensi che tutto sia finito, scopri che c’è sempre qualcosa di bello che ti aspetta. Alice, Carmen e Sasha hanno tutti fame d’amore. Amore per il mare, per la musica, amore per la vita che faccia dimenticare scheletri rimasti in una grotta. “Seconda navigazione” è un invito a scalare una nuova scogliera, ad amare ancora senza ragione. Perché alla fine la vita resta un grande regalo, un incredibile capolavoro che ci scorre ogni giorno davanti agli occhi e tra le dita. Sta a noi non smettere mai di suonarla e farne la nostra musica più bella.

Federica - 24 Luglio 2016 (donatellamoica.it)

Ho dovuto finirlo… Sebbene lo abbia centellinato sino ad ora per farmi accompagnare ancora un po’. Magari non è questo uno dei messaggi di ‘seconda navigazione’ o forse un po’ si. Il godersi le cose senza fretta di finirle, né paura che finiscano… Lasciare che entrino in te e ne facciano parte, come il mare, come 4 giorni ad Ustica con quattro donne meravigliose e tra loro sconosciute in principio (le Sirene di Ustica), come ciascun giorno di una vita regalata, conquistata, vissuta, curata nella preziosità di ciascun incontro. Senza la paura che lascino il vuoto perché nulla di ciò che viviamo è privazione, nemmeno l’amore che fa soffrire e che resta a darci la forza della sua esistenza.

 

Link acquisto

Acquista la tua copia!

Consulta il libro

precedente

Consulta il libro

successivo


Commenti: 0