Secondo regalo di Natale

Festeggia il Natale con Storie di Libri!

 

Richiedi la tua copia gratuita di "Ricordi di un uomo allietato da un bicchiere di vodka" al nostro scrittore Piergiorgio Leaci.

 

Regalo valido fino al 31 Dicembre 2017.

 

Tipologia: regalo

Titolo: Ricordi di un uomo allietato da un bicchiere di vodka

Autore: Piergiorgio Leaci

Editore: Abel Books

 

Piergiorgio,

lo staff di Storie di Libri ti ringrazia di cuore per la disponibilità.

Richiedi la tua copia omaggio a Piergiorgio

inviando un messaggio al seguente indirizzo mail

 

abelbooks@hotmail.com


Recensione di Storie di Libri (lunedì, 04 dicembre 2017 ore 20:06, scritta da Pasquale Cavalera)

“L’umanità è fatta per lamentarsi. Costa meno dell’ambizione perché non si rischia nulla”. Avete presente quando le circostanze vi sbattono a migliaia di chilometri di distanza dal luogo in cui siete nati e cresciuti? Bene, aggiungeteci anche il freddo boia della Repubblica Ceca, un amico cazzuto, la routine vigliacca, una costante e frenetica illusione alcolica e donne dalla bellezza stimolante. Una sfera, se abbandonata a se stessa su di un piano inclinato, non può fare altro che rotolare giù, sempre più giù, fino a terminare la sua corsa per terra, battendo con violenza le sue rotondità. Rimbalzando, più volte. Per poi continuare a rotolare, ancora, fino all’ultimo frammento di energia. Poi basta.

The End. Stop. Corsa finita. Wilem, il protagonista della storia, è esattamente quella sfera.

Ognuno di noi, almeno una volta nella vita, è stato Wilem. E chi crede di poterlo negare, prima o poi, lo diverrà, statene pur certi. Un romanzo di caratura superiore, scritto in modo lodevole con contenuti di rilevante spessore. Ritengo lo scrittore Piergiorgio Leaci un vero maestro di stile, leggere per credere. “Ricordi di un uomo allietato da un bicchiere di vodka”, edito da Abel Books.


Sinossi "Ricordi di un uomo allietato da un bicchiere di vodka"

Questo romanzo picaresco è ambientato nella Repubblica Ceca, dove l'autore ha lavorato come insegnante. L’idea è nata dal voler raccontare la precarietà della vita, dalle esperienze di Wilem, il protagonista e voce narrante, e del suo amico Alex, che sono sballottati per inquietudine, alla ricerca di qualcosa che non trovano, un po’ come scrive Anthony, un americano, “...moving back to the States would feel like some kind of suicide, it would feel like giving up. Whatever I came here for, I still haven't got. And if I go home without that, then I will feel more lost than ever before…” . Come spiega lo stesso autore "Credo che il senso dei miei racconti e romanzi Picareschi sia tutto qua. Gente che viaggia alla ricerca di qualcosa, senza sapere cosa e dove cercare. È la metafora della vita umana, una crudele realtà che ho sulla pelle da sempre e che le lacrime non lavano via."

Scrivi commento

Commenti: 0