Volume 1 - Gruppo Facebook Storie di Libri





Iscriviti al nostro Gruppo Facebook!

Diritti riservati dall'autore: Concetta Sciarretta

Ci provo anche io con un mio scarabocchio, in questo modo vi do la mia buonanotte. Carme alfabetico:

Ascoltiamo

Beatamente

Carmi

Declamiamo

Emozioni

Finiamo

Giocherellando.

Hanno

Imparato

Lungimiranti

Menti

Nessuno

Ostacola

Proponendo

Qualche

Riesumato

Sonetto

Tutti

Uniti

Verseggiamo

Zigrinando

Concy


Iscriviti al nostro Gruppo Facebook!

Diritti riservati dall'autore: Pasquale Cavalera

Lavoriamo per produrre oggetti di una inutilità disarmante, in cambio riceviamo carta con cui acquistarne degli altri. La sera ci sorprende sfiniti, depressi a tal punto da non avere nessuna voglia di ascoltare le frequenze del nostro cuore. Le ore libere diminuiscono sempre più, le racimoliamo a denti stretti, rare come acqua nel deserto. Palestra, smartphone, pizzeria, TV, discoteca, videogame, calcio, cinema. Ci impongono che film guardare, che musica ascoltare e quali dei loro politici votare.

Pasquale Cavalera


Iscriviti al nostro Gruppo Facebook!

Diritti riservati dall'autore: Orlando Dep

Quanno s'addorme Napule

Quanno s'addorme Napule, se ferma ogni rummore!

A luna, appiccia e stelle chianu chiano..

pecchè, si po' se sceta, fa a paura!

e nun s'addorme cchiù fin'a dimane!

O' mare, accorda l'onne n'terrra a rena

p'a fa sentì nu poco e manduline!

e, mentre aspetta o suonno quanno vene

lle canta zittu zitto na canzone!

Comme si bella, Napule! Quanno t'adduorme a sera!

Cu sta cuperta e stelle che t'ammanta,

sì bella comm'a na Madonna e cera,

comm'a na mamma, quanno ride e canta!

Bella, comm'a na Sposa dint'a festa

comm'a na lacrema e na nnammurata

comm'a nu piccerillo a na fenesta

o comm'o sole e na bella jurnata.

Mò... duorme!! E o mare, a musica ha fermata,

a luna guarda.. e se fa nu surriso..

duorme! Comm'a na rosa ca è schiuppata

dint'a chist'angulillo e Paraviso!

Orlando Dep


Iscriviti al nostro Gruppo Facebook!

Diritti riservati dall'autore: Massimo Lo Pilato

Un barattolo di stelle

Mio nonno mi raccontava che nelle sue sere infantili d'estate rincorreva le lucciole nei campi e le chiudeva in un barattolo, costruiva una lampada per illuminare la sua camera, prima di dormire apriva il coperchio e le lasciava volare.

È un ricordo diafano che somiglia alla sua voce pacata, al suo sorriso limpido che sapeva di vento e di vigne intrecciate ai filari delle stagioni, in una goccia di tempo, sospesa tra la memoria e i sogni.

Sono trascorsi un cumulo di anni da allora ma io guardo ancora il cielo quando l'azzurro si arrende alle ombre della notte e attendo che mio nonno apra il suo barattolo di stelle e le faccia librare nel cielo.

Massimo Lo Pilato


Iscriviti al nostro Gruppo Facebook!

Diritti riservati dall'autore: Carla Niola

T'aspetterò

con i capelli al vento

tra le onde delle dorate spighe.

Delicato

come il volo di una farfalla

sarà il caldo soffio del mio richiamo.

Carla Niola

(Parole in delirio)


Iscriviti al nostro Gruppo Facebook!

Diritti riservati dall'autore: Manuela Moschin

Gentilezza non significa debolezza, ma bontà d’animo che deriva anche da un senso di empatia e di rispetto. Quotidianamente mi ritrovo in questa situazione. È così difficile essere gentili?

“Evita di parlare agli altri con durezza: la parola aspra provoca rivalsa. Chi viene ferito dalle tue parole può di rimando ferirti”. Dhammapada (verso 133).

Manuela Moschin


Iscriviti al nostro Gruppo Facebook!

Diritti riservati dall'autore: Fausto Marongiu

Sei arrivata

in punta di piedi

passeggiandomi

il cuore

con la tua delicatezza

un'emozione nuova

soave

inaspettata

Sei apparsa all'improvviso

come un arcobaleno

a colorarmi la vita

a farmi sorridere l'anima

Ora non posso far altro

che accoglierti

come un dono

e amarti

con tutto me stesso.

Fausto Marongiu


Iscriviti al nostro Gruppo Facebook!

Diritti riservati dall'autore: Adriana Bonanno

E quando una madre ti chiede: "Ma quando mi porti un bravo ragazzo a casa?io alla tua età ero sposata con due figli".

Tu la guardi, ridi e le rispondi: "mamma, manca la materia prima, alla tua età i ragazzi ti aspettavano sotto casa, si aspettava quella telefonata a casa per starci delle ore, oppure le lettere con il suo profumo sopra, non c'era Facebook, WhatsApp, niente selfie, niente cuori o baci virtuali. ..c'eravate solo voi, persone fisiche.

Magari a volte lontani perchè tu mamma eri a casa ad aspettare papà e lui era impegnato con il lavoro. Ora nessuno ti aspetta, sei facilmente sostituibile, oggi ci sei, domani ce n'è un altro/a, funziona così.

Le donne poi, sono diventate come gli uomini e gli uomini aggiungerei come le donne, parità dei sessi la chiamano...io sinceramente vedo solo gente priva di sentimenti e valori veri.

Sarebbe bellissimo tornare indietro con i tempi, e rivedere le donne affacciate ai balconi ad aspettare, scriversi lettere, a quando non c'era nulla ma non mancava niente...oggi c'è tutto ma mancano le parole e ci si è dimenticati di come si comunica o si esprimono i sentimenti, mancano le cose più importanti.

A tutte le coppie di una volta, a tutti gli anziani che ancora oggi si stringono la mano: SIETE UNO SPETTACOLO.

Adriana Bonanno


Iscriviti al nostro Gruppo Facebook!

Diritti riservati dall'autore: Annarosa Cuppini

GOGYOHKA

Nell'anima

è spuntato

un fiore delicato

Trattalo con cura

È per te

(Annarosa)


Iscriviti al nostro Gruppo Facebook!

Diritti riservati dall'autore: Stefano Cisternino

Sono la goccia che scava la roccia ma poi fa traboccare il vaso.

Sono lupo che non perde né pelo né vizio; il terzo che gode tra i due litiganti ma anche l'amico che è come un tesoro.

Sono il buongiorno che vediamo al mattino; quello che batte il ferro quando è freddo e quando è caldo; che fa da sé e fa per tre.

Sono il bicchiere mezzo pieno, che non piange sul latte versato; sono ozio, padre di tutti i vizi e amico nel momento del bisogno.

Sono quello che sostiene che il dubbio sia la porta d'accesso al sapere, ma anche che la scienza non è per forza conoscenza.

So che la fortuna aiuta gli audaci, ma anche che è mutevole, effimera, provvisoria.

Sono questo e tanto altro, perché ho imparato che non serve scagliare pietre e nascondere la mano, che bisogna vivere e lasciar vivere e che l'erba del vicino è verde come la nostra.

Io sono quello che al cuor non si comanda, sono fulmine a ciel sereno e gioco che vale la candela.

*Stesic* - La notte porta consiglio


Commenti: 3
  • #3

    Grazia (mercoledì, 08 gennaio 2020 15:15)

    Stupendo.... Grazie a voi scrittori di esistere xche senza voi la vita non sarebbe la stessa

  • #2

    Orlando Dep. (lunedì, 06 gennaio 2020 20:50)

    Onorato e felice di far parte di questa splendida iniziativa, Grazie di cuore per tutto, grande Pasquale!!!

  • #1

    Concy (lunedì, 06 gennaio 2020 20:02)

    Meraviglia. Stupenda iniziativa e soprattutto sorpresa�grazie